Genny & Genny, i due figli dei boss.

 

Image

 

Il personaggio della settimana, “Genny la carogna”, era stato già in qualche modo anticipato da SKY nella nuova serie Gomorra, in onda dal 6 maggio. Ho visto le prime due puntate (guardatele: sono crude, talmente spietate da far diventare la precedente serie un Fotoromanzo Criminale), e il personaggio quasi chiave anche qui si chiama Genny. Anche lui figlio di un boss. Fisicamente non si assomigliano molto, e l’attore sembra molto più buono, ma la coincidenza è Disbanded. La serie è stata già venduta in mezzo mondo, quindi almeno il Genny buono diventerà famoso. Ho apprezzato il fatto che non ci fosse (nelle prime due puntate) nessuna pupa del boss, e nemmeno un cameo di Favino o Santamaria o dei loro amici. Unica pecca: i boss guardano sempre Sky TG24, cosa che io non credo verosimile: li vedo più inclini a guardare il TG1 o – se proprio dovevano guardare un canale SKY – qualche canale di cartoon come i boss mafiosi di Ghost Dog di Jarmush.
Tornando alla realtà, non so voi ma io la frase-mantra “questi non sono tifosi, sono delinquenti”, riferiti a bombe e pistole, non la posso più sentire. Come se le due cose fossero incompatibili. Si può essere tifosi e delinquenti allo steso tempo, perché no? Così come si può essere politici e delinquenti, artisti e delinquenti, addirittura poliziotti e delinquenti come sia la fiction sia la realtà ci dimostrano ogni giorno. 

Elvis has left the building.

 

 

Advertisements