"Where did the ear go?"

Da quando vengono indicizzati e “liked”, i commenti ai video di You Tube sono diventati la parte più bella di tutto il gioco.
La disarmante e corretta domanda accompagna questo vecchio (1989) e storico spot istituzionale per BA, i cui la varie parti di una faccia vanno ad assemblarsi in qualche posto nella steppa. Ma nessuno si era mai chiesto dove fosse scomparso l’orecchio: è probabile che fossero tutti morti per un errore nella piantina. Erano anni, quelli, in cui si spendevano miliardi per gli spot istituzionali, e le compagnie aeree facevano sognare. Proprio oggi sia Air France che la stessa BA ripropongono la loro visione del volo. I francesi con un film ambientato nell’aldilà dopo un probabile incidente aereo, gli inglesi ricostruendo una storia alla Barilla che finisce in una gigantesca orgia di aeromobili di ogni epoca in cielo. A voi la scelta, io vado in nave.

Elvis has left the building.

Advertisements

3 comments

  1. Lo è. Personalmente sono contrario alla poesia in una cosa come il volo in aeroplano, che come ormai sappiamo è solo fonte di ansia e preoccupazione.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s