"Steve was delicious."

Come dice il mio advertising-blogger preferito, se sei mai stato coinvolto “in the surreal, horrifying environment of a focus group, that can make you question your existence” non puoi fare a meno di sorridere davanti a tutto questo.

Elvis has left the building.

Advertisements

5 comments

  1. Ted, le visite al tuo blog stanno diminuendo notevolmente. La concorrenza di guastini e donald draper è veramente spietata. Con il loro buonismo demagogico stanno conquistando junior e stagisti un po' come grillo fa coi disoccupati e i precari (parlo di illudere le fasce più deboli).

    Ti devi inventare qualcosa di forte per far ritornare le attenzioni su di te. Questi post non bastano.

  2. Mi pare che Ted Disbanded punti alla qualità dell'audience più che alla quantità.

    (magari è un'impressione, ma credo sia così. Inutile rincorrere – rincorrere? – i gusti del pubblico medio).

    Gen

  3. Grazie del consiglio, ma questo blog ha sempre avuto un altro scopo.
    Tra l'altro non parla quasi mai di argomenti troppo tecnicamente pubblicitari (il post sul Print lo fa, ma è un'eccezione), perché mi piace che chi si imbatta per caso in queste pagine trovi qualche motivo di interesse, qualsiasi lavoro faccia.
    Le visite vanno benissimo così, e non sono una mia ossessione. Quando lo tengo vivo, ci passano 3-400 persone al giorno più o meno: abbastanza per non chiuderlo. Sono soprattutto persone del nostro settore, ma non solo. Se parlo di pubblicità improvvisamente le visite si impennano. E se lo facessi senza moderare i post (come facevo all'inizio) sarebbero probabilmente il doppio.
    Ma a me piace così.
    Ho un'idea precisa delle persone che passano di qua, maturata in questi 3 anni, e sono dei lettori che mi piacciono.

    KTTB e DD sono un altro genere di blog, seguo entrambi sporadicamente, hanno la loro utilità nonostante (nel secondo caso) non ami l'anonimato la libertà di insulto a chiunque. Negli anni ho imparato che è più democratico moderare i commenti.

    Ciao

  4. Infatti, Ted, vai avanti così, che vai benissimo.
    Ti stimiamo per quello che sei e quello che scrivi.
    Inseguire il numero di visite è demenza 2.0 .

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s