Exodus on skateboards.

Un lungo e interessante articolo (boring, per i non addetti ai lavori) sull’esodo delle migliori menti creative dalle grandi agenzie alle piccole, piccolissime, o addirittura new-born. Perché tutti hanno bisogno di un nuovo modello di agenzia, ma è più facile inventarsene uno nuovo che cambiare quelli esistenti.
Tutte cose che già sappiamo, ma qui sono scritte bene.

Elvis has left the building.

Advertisements

5 comments

  1. Anche a me piacerebbe andare da una multinazionale ad una piccola agenzia. Però mi sembra che ci sia un problema: se le grandi agenzie – alcune, spero non tutte – sono pronte ad assecondare qualsiasi richiesta del cliente, cosa fanno le piccole? Hanno la forza di imporre la propria visione o hanno ancora più paura di perdere i danari? Certo, si potrebbe dire che hanno clienti più piccoli e quindi – in teoria – meno arroganti. Ma è poi davvero così? O un cliente piccolo è ancora più grezzo, tipo : “Mettece na scritta e nun rompe li cojoni.” (la frase cambia a seconda della regione di provenienza).
    Non vorrei essere prevenuto, ma non ce lo vedo l'industrialotto arricchito che riesce ad apprezzare qualcosa di diverso da “qualità e professionalità”, con donna succinta.
    Ultima questione: appurato che questo è un lavoro e non una missione umanitaria, come la mettiamo con contratti, sordi ecc.? Già ti inculano le grandi, figurati le piccole (“Eh sai, la crisi, siamo piccoli, ti possiamo dare X e non possiamo certo metterti in regola…”).
    Scusate se mi sono dilungato ma la questione mi preme.

  2. Da un punto di vista creativo la cosa inquietante delle multinazionali è la divisione in “unit” che sta prendendo piede (ovviamente per “ottimizzare”, così perso il cliente si licenzia in blocco la unit), cioè ti mettono su un cliente e solo quello fai. Il che va bene se ti capita Volkswagen, ma se ti capita Dash?

  3. Basta scrivere belle campagne. Il resto lasciatelo a chi prende i soldi per farle uscire. Senno' meglio fare gli account. Ma prima parlatene con loro. Poverini.

  4. Far uscire una bella idea è sempre difficile. A. perché ti deve venire in mente. B. perché per i clienti non è l'idea bella che conta, ma l'idea più azzeccata per risolvere il suo problema, visto che quell'idea la pagano e a loro volta sono valutati / pagati / licenziati per i risultati commerciali che portano all'azienda. C. paragonare volkswagen a Dash è come paragonare la Nutella ad qualcosa dello stesso colore.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s