Steve Jobs annuncia che i libri d’ora in poi si leggeranno sull’iPad, e Salinger muore.

E’ un triste giorno per la Letteratura, ma anche per il mondo Disbanded. Se ne va l’autore del Giovane Holden, uomo che rilasciò due interviste in vita sua e sparì dal mondo, riapparendo solo qualche tempo fa mentre spingeva un carrello del supermarket. Dall’altra parte esatta degli Stati Uniti, un altro americano molto più presente a tutti noi, lanciava la sua nuova invenzione che in qualche modo (ma in altro modo) potrebbe cambiare la letteratura o il modo che abbiamo di fruirla. Io amo molto Steve, ma l’odore della carta e il suo contatto non me li può togliere nessuno. Dicevo così anche dei vinili? Vero. Ma infatti…

Update: Hitler and the iPad.

Elvis has left the building.

Advertisements

5 comments

  1. La biblioteca era il posto più affascinante del mio liceo. Ed io avevo sempre un finto libro da restituire. Una buona scusa per uscire dalla classe e prendere aria. Una sigaretta fumata in apnea nel bagno e giù dritto in biblioteca. Un nonluogo, regno silenzioso della settantenne bibliotecaria, sempre stupita di vederci qualcuno entrare. Io barattavo un libro per tre. Li infilavo sotto il maglione e li prendevo così in prestito a vita. Ho sempre pensato di fare un favore alla letteratura. Sostenevo che mai nessuno li avrebbe letti. Tra i tanti è venuta fuori tutta la bibliografia di Salinger per me e qualche regalo che ancora gli amici conservano. Sono ancora in bella vista tra gli scaffali di casa, ancora con la scritta del nome della scuola. Non me ne vergogno ma non lo rifarei. In ogni caso difficile da poter rifare con IPad.

    D.

  2. A Steve piace correre, mettere il panico…
    lui è lo stratega del marketing, deus ex machina apple.

    L'iPad è un nuovo media, non sostituirà nulla, aggiungerà un modo nuovo di fare multimedia.

    Ovviamente tutto in IMHO.

  3. io li tengo parcheggiati in doppia fila sugli scaffali, a prendere polvere e generare allergia e cibare le forbicine, piuttosto che chiuderli in scatoloni e muffire senza più una carezza alla copertina, un'apertina a caso, una sveltina al cesso. ai vinili purtroppo non ho usato la stessa cortesia…

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s