The many faces of John Dillinger.

Dopo qualche anno di mitizzazione cinematografica e televisiva di delinquenti da quattro soldi e anche un po’ sfigati e tristi come quelli della Banda della Magliana, rifatevi gli occhi e risporcatevi la fedina penale sul sito dell’FBI, con la lunga e a tratti assurda storia di John Dilinger. Più che un vero Disbanded, un bandito vero.

Elvis escaped from the building.

Advertisements

5 comments

  1. Per l'angolo del moralista, è interessante notare che Dillinger (che nelle foto sembra un uomo di mezza età) è morto a soli 31 anni, età in cui i “ragazzi” in Italia fanno gli stagisti o lavorano nei call center. Una dimostrazione che, se fare lo stagista non paga, anche il delitto, alla fin dei conti, magari rende famosi ma paga male.

  2. La volpe non è felice quando è inseguita dai cani.

    Modesty, sul fatto che fra essere uno stagista passivo, impotente e inconsapevole ed essere Dillinger, forse è meglio la seconda opzione posso essere d'accordo. Ma ritengo che comunque Dillinger la sua vita se la sia trascorsa abbastanza male. E forse alla fine anche lui, come la volpe dell'omonica caccia, si trovava all'interno di un gioco di cui non aveva nessun controllo.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s