Nessuna mente sana può aver prodotto questo. Oppure, è Jap.

Chi si sognerebbe mai di fare uno spot per tenere sotto controllo la pressione del sangue attraverso un’idea del genere? Solo un bambino, un pazzo o un giapponese. In effetti vale anche come campagna contro gli incendi. E contro spegnere gli incendi con dei rami. E contro fare la pubblicità normale.

Elvis has left the building.

Advertisements

13 comments

  1. e per fortuna che il tasso alcolemico del tipo dello spot non era allo stesso livello dell’ideatore del commercial.

    e.doc

  2. un uomo cosi ci sarebbe voluto ad Ostia. Più precisamente nella pineta di castelporziano, nel lontano 2000…Anche in quella (trista) circostanza, il mancato funzionamento (sabotaggio?) delle bocchette anti-incendio pure presenti, indusse i più a darsi da fare proprio come lui…con diversi risultati, però.

  3. Mi sembra troppo distante dal prodotto/servizio e poco brandizzato. Io avrei proposto di tenere il logo presente per tutta la durata del film.

  4. per lo stesso tipo di prodotto, l’equivalente spot italiano è il direttore d’orchestra che bevendo il tè dice: “tè infrè è buono qui, è buono qui”.

    il che fa riflettere sulla distanza culturale tra giappone e italia. ma, soprattutto, su quanto dev’essere più divertente fare il copy a tokyo piuttosto che a milano.

  5. Oro a Cannes, anzi a tutti i festival di Cannes, cinema ed erotismo compresi.
    lo sto guardando a ripetizione.

  6. Siamo sinceri è per queSTO che lo facciAMO anche se sono dell’idea che il più oneSTO cia un ciarlatANO.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s