Invece di gonfiare i numeri.

Non aveva mai toccato queste vette di abisso, il blog che stai leggendo. La pagina delle più Disbanded bambole gonfiabili, inclusa quella di Florence dei Jefferson’s. Un fenomeno che ha origini antichissime, se è vero che questa campagna è del 1971.

Elvis has left the building.

Advertisements

37 comments

  1. A me questa pecora, ha fatto venire in mente il film di woody Allen:Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso ma non osate chiedere.Quando Gene Wilder, s’innamorava perdutamente di una pecora, dal folto vello… degustibusssssss

  2. Questo agnello gonfiabile è figlio delle vendite online: chi avrebbe mai il coraggio di comprarlo di persona in uno negozio?Sai che bell’argomento per una tesi universitaria sull’e-commerce 😉

  3. Tempo fa prima di morire Nino Manfredi confessò in un’intervista di avere avuto un rapporto con un ovino. Lo disse con naturalezza e senza vergogna, perchè faceva parte della cultura ciociara nella quale era nato.

  4. Però in fondo non si tratta così una giovane fanciulla. Dobbiamo essere gentili. Ted, falla rientrare dai..E tu LB firma il seguente contratto:1. non romperò più le palle a Ted, con le cancellazioni.2. Non scriverò più in francese (capirai, noi i francesi non li possiamo vedere: vincono più di noi)3. Mi impegnerò a smazzare tutto BTL presente che entrerà in The Name per il 2009.FIRMAIN FEDE

  5. Nessuno dei commenti anonimi è mio. In più, è inutile che insistiate, io qui non ci torno piùLBTed, potresti cancellare questo commento? Merci.

  6. LB, va bene che il post è adatto, ma ce le hai gonfiate taaaanto…(l’egocentrismo è così noioso, alla lunga…)

  7. anonimo delle 17.42 e company. Il tuo allora sembra un jodler, perché viene direttamente da un luogo dove pascolano le pecore.not LB is the answer.

  8. Torno e trovo tutto ‘sto casino…Avete fatto diventare LB una figura quasi mitologica. (o anzi lei stessa si è fatta diventare tale?)

  9. Ted, già il di lei tono finto-poetessa-new age è duro da digerire… se poi ci metti tutte le lecchinate varie, le crisi uterine, la schizofrenia (canaglia), le richieste di cancellare commenti(evitare di scrivere cose subito smentite non sarebbe più sensato?) ti renderai conto che è lei stessa ad aver creato quest’aura di fuffa. Per attirare l’attenzione – specie la tua – come i bambini ignorati dai genitori.PS: Sono solo uno che legge il tuo blog (non avrei motivo di criticare LB) ma la pantomima stile “vai al diavolo tu e il tuo blog disgusted” (pausa 5 minuti) “Teddybbello cancelli il post? ero posseduta da Satana, ma ora m’è passata…” è francamente disarmante.Firmato: L’artista una volta noto come Anonimo 17:42

  10. Figura mitologica? Mah. E’ sorprendente come una invenzione tecnologica umana e così bizzarra come un blog possa rendere permanenti le fluttuazioni della scrittura virtuale come l’ombra delle nuvole che passano. Strano fenomeno Teddy boy,isn’t it? saluti disbandedLaura PS: anonimo delle 17.42, ti consiglio una visitina dall’analista!

  11. Tanto tra 5 minuti chiederai a Ted di cancellare questo post… per poi lanciarti in uno dei tuoi haiku para-esistenzialisti in cui parli di nuvole, petali, bustine di thè e fiocchi di neve.(Uh, curioso: “disarmante” è l’aggettivo che avevo usato nel mio post. Fa piacere vedere che ne hai imparato uno nuovo: fanne buon uso…)con affetto, l’Artistanonimo ecc ecc.

  12. mi spiace averti dato questa impressione disbanded. Gli insulti, però, non sono mai una cosa gradita. Fa un po’ effetto pensare che tutto è artificiale, qui. ma allo stesso tempo è reale. Ma è una realtà alterata: anonimi, nomignoli, nickname ecc… cose e personaggi, dimensioni, anche. e’ alterato il concetto delle dimensioni. E’ alterato, profondamente, lo spazio. E’ una specie di metafora visiva per esprimere il segno della disbandness dei nostri tempi. Pensavo alla poesia di questo posto fatto di parole, meravigliose, del suo autore… invece questa è una specie di tranquilla, inoppugnabile smentita…gli insulti non sono mai cosa gradita, anche in questo spazio evanescente…un saluto con un po’ di amarezza.Laura (LB)

  13. ehi anonimo, mi fa piacere che ogni tanti i vuoti post vengano riempiti con cose simpatiche! Come dire, un po’ di sano ottimismo da leader! anche se Obama con quella battutaccia ha perso un po’ di punti, à mon avis. Ma si sa che quando si ha nelle proprie mani un potere così forte, a volte sembra che tutto sia permesso; una specie di delirio di onnipotenza. Mah. E dio solo sa come sia fragile e delicata la posizione delle pesrone meno fortunata di noi, quanto siano più sensibili e quanto sia doveroso farli sentire parte integrante di questo mondo. Il lupo magerà la capra? Chi l’ha detto che andrà sempre così? Chi l’ha detto che i pregiudizi ed i chiché la faranno sempre da padrone? Anonimo, Yes we can. Un mondo migliore è possibile ed anche quando ti sembra che tutto vada per il verso sbagliato, il lavoro ecc…, tutto può capovolgersi e tornare a risplendere, come quando dopo un temporale, si vede un pallido sole all’orizzonte. Laura.PS: il blogger ha preso una brutta strada, i post sono uno più brutto dell’altro! Ma è soltanto una mia opinione.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s