Art e copy: Woody Allen.

Bud Light è uno dei brand più creativi del mondo. Ma molti anni prima di questo spot, Woody Allen aveva fatto qualcosa di un po’ troppo simile per passarci sopra e magari premiarlo in qualche festival. Citazione o pura copia? A proposito di film di cui molto si parla, la serie di Mr. String della Fallon ci riporta all’epoca del “non sense makes sense”: divide come tutti i non-sense, e piace soprattutto agli inglesi. Vincerà dei premi, essendo della Fallon e non-sense, anche se nessuno la capirà. Ma giustamente i puristi del non-sense insorgono: è meglio la campagna dei discount Mag’s, follia made in Canada. Ma questa non vincerà nulla. Troppo Disbanded.

Elvis has left the building.

Advertisements

18 comments

  1. Prediction per prediction, il perfetto spot Bud da Cannes sarebbe stato Heineken cabina-armadio.Purtroppo l'ha fatto Heineken che come brand è più democristiano, meno simpatico e buddy-buddy.Fosse stato bud sarebbe stata una botta sicura.

  2. Non avevo mai ascoltato la vera voce di Allen. Coincidenza vuole che oggi sia scomparso il suo illustre doppiatore italiano. tant pis.Fastofax___________

  3. La pubblicità della birra è indulgente con i comportamenti maschili, anzi è il posizionamento base di quasi tutte le birre.Il tuo commento è da sega.Mezzasega.

  4. Ehi Ehi!! Moderate i termini, please. Più “educazione” per tutti!In questa arena cyberpunk, tutto è il contrario di tutto. Ed il blogger si vede che confonde la voce di al pacino con quella di robert de niro, non esisteranno più i doppiatori di una volta. Pace all’anima sua.Gesù! (diceva il grande doppiatore italiano)LBPS: TAAC.

  5. Una cosa simile in Italia è stata fatta sia come Candid Camera che dalle Iene.Messaggio molto polemico agli appassionati della Fallon:quanto al discorso Fallon e loro lavori: continuo a pensare che il “non sense” sia solo una moda. Non mi piaceva il gorilla non mi piace quest’altra vaccata.Ora venitemi a insultare dicendo che non capisco nulla di comunicazione. Del resto se non ho capito nulla significa che sono l’unico che l’ha capita, visto che è “non sense” e di conseguenza non c’è nulla da capire.Quando questa moda passerà e ne arriverà un’altra, vi voglio vedere tutti qui, i puristi del non sense.Scommetto che santificherete pure la prossima moda perché tanto “è figa, è cool”.Maddai.Siete come le banderuole, andate dove tira il vento: in realtà non ci credete neppure voi.Perdonate il tono polemico ma come è scritto nel post, il non sense divide. Quindi, ci sta.

  6. Il posizionamento della Bud è segue sì il movimento dei segaioli. La Bud è “la birra dei muratori” e/o di chi si addormenta di fronte alla tv, con un filmino porno e il portacenere pieno di cicche in mano 🙂Mr. Becks

  7. Ancora si pensa che se fai vedere un segaiolo con la bud, tutti quelli che bevono o berranno bud sono o saranno segaioli?Mah. Credo che la pubblicità veda oltre. Il pubblico e/o i commentatori, non so. Tant pis.Fastofax____________

  8. I personaggi rozzi di WAZAA o GOOD DOG (il tipo che fa mordere le palle al fighetto dal cane) a loro modo sono dei vincenti e il muratore ammeregano si identifica, mentre quello di questo spot è un perdente (oltre che fighetto) e a nessun ammeregano piace identificarsi coi perdenti, quindi per me sto spot è totalmente sbagliato.Anonimo 19 febbraio 2009 23.08

  9. Ma perchè tutto va ridursi in: fighetti o non fighetti. Giusti e sbagliati, uffa. Per me questo spot, è semplicemente simpatico.Ok, c’è un prodotto da vendere, ok. Ma io sorrido, vedendo la figuraccia del guy. E di conseguenza, la mia testa si va a ricordare dell’imbarazzo provato alla cassa della feltrinelli, quando ho chiesto il libro di Moccia “scusa se ti chiamo amore” -dicendo poi d’impacchettarlo. Siamo umani perciò ci imabarazziamo, ognuno a modo suo. Bud a modo suo l’ha comunicato. Alla salute!.

  10. anonimo delle 16.39. Siamo umani, e quindi ci imbarazziamo, ci emozioniamo, se poi, il libro di Moccia ci accompagna in una fase di crescita della nostra esistenza, ben venga. Non è di queste cose che ci si deve vergognare (confesso che non l’ho mai letto, mea culpa).Sarebbe stato, tuttavia, più delicato e forse meno disbanded, aver citato qualche altra scena di quel film di Allen. Ma al blogger, piace la sua disbandness, e come si può usare il telecomando per spegnere la tv (bella la lettera di Michele Serra ieri a Sanremo; carina la canzone che ha vinto)così, si può sorvolare su alcuni post così disbanded, e magari andare in libreria a comprare qualche libro.La grazie è la capacità di accettare il cambiamento, è una frase che ho letto da qualche parte. E la riporto qui: questo per dire, che la vita in due non è la rispettiva somma algebrica di personalità e insicurezze, è ben altro!LB PS: RESPECT.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s