Ti prego, sali su a vedere la mia (delicata) collezione di cartacce.

Sarà capitato anche a voi di trovare per strada una lettera appallottolata e avere la curiosità di leggerla. A me no. Però insomma, c’è qualcuno che ha avuto l’idea di raccogliere su un very Disbanded sito parole, preghiere, suppliche e note scritte su pezzi di carta buttati in strada, o trasportati dal vento in qualche giardino, su un marciapiede o sul parabrezza. Il risultato non è male. Comprende anche fotografie (sono la parte più bella) carte di hamburger e biglietti del bus. Per chi crede ancora alle farfalle, sono solo la versione post urbana parlante.

Elvis has left the building.

Advertisements

40 comments

  1. Quando devo buttare lettere, biglietti o liste della spesa nei cestini pubblici, li distruggo prima in mille pezzi.L’idea che qualcuno possa recuperarli e leggerli, mi mette inquietudine.Dici che sono paranoica?

  2. Che attimi di indescrivibile spensieratezza! Di squisita purezza! Certo che ci sono cose che scaldano le galassie nei venerdì terrible… Scherzo! Come i fili di gelo sotto la finestra, cadono i sogni di carta…C’est la vie.LauraB

  3. ah dimenticavo: con la collezione di cartaccie, ti ci puoi rotolare al contrario, magari mentre scendi dalle scale. That’s all. Disgusted.LB (con le farfalle nello stomaco)

  4. anonimo: non sono una poetessa e non sono una copy. Nella vita, vorrei fare altro. Detto questo, sto anonimato mi ha rotto le balle, e che diamine. LB

  5. è una bella canzone, il video lo si può vedere e ascoltare anche con gli occhi di cristallo, senza movimento.Grazie per il aver cancellato i typos, ted. Il blog funziona sempre alla grande! good luck!LB

  6. Era un venerdì di merda e venerdì di merda è restato ma leggere le vostre scemenze mi ha fatto ridere. Mi viene voglia di scriverle su un foglietto e buttarlo nella spazzatura. A futura memoria.

  7. Ma si, nei commenti, (almeno i miei) non c’è mai stata cattiveria, ci mancherebbe. Diamo un calcio a questa crisi che stressa anima e corpo.🙂

  8. Dopo la brutta esperienza di Auariù, ecco un paio di accorgimenti per evitare che del muco artistico finisca nelle vostre mani.1) Non toccate nulla del vostro art quando vi dice: “chicchè, guarda un po’ che bella impaginatura ha fatto max per la Ferrilli..”2) Non disturbatelo quando lo chiamate in causa per un consiglio ma non vi risponde per il troppo lavoro.3) Non pensate sia gel per i capelli, lo ha già fatto Cameron Diaz, sareste poco originali.4) Il caffè fatevelo offrire dal DC (sempre che non sia art) specie se dal distributore automatico.5) Mandatelo a cacare e ditegli che avete letto che lavorare con il raffreddore fa diventare impotenti (anche se non è vero).6) Raccogliete il muco e piazzatelo su ebay. Troverete sicuramente chi sta bene, ma cerca il peggio.Mr. Becks

  9. quanto siete trash con questi commenti??!!!ted ma quando uscirà il Dvr in italia come faremo?io nn ho ancora iniziato ma lo farò prima o poi.che faccio parto? o sto qua?!!pubblicitari vs Dvrm.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s