Quando le banche non erano Disbanded.

Dal paniere dei miei film pubblicitari preferiti di sempre vi offro, vi sottopongo e vi regalo questa Big performance del grande Anthony Hopkins, che accettò qui per la prima volta di prestare il suo talento alla pubblicità. Lo fece per la Barclays Bank, in uno spot firmato della Leagas Delaney London. Un altro film molto copy oriented, con un concetto semplice di fondo (“siccome siamo grandi, ti puoi fidare di noi”) e un bel testo auto riferito, pieno di autocitazioni, in cui il grandissimo attore di Hannibal spiega come tutti preferiscano, sempre, ragionare in Grande (da segnalare, sul finale, la chicca “I love this movie, it’s gonna be big. There’s only a small problem: my fee!” (“I’d like it to be….what’s the word?”: geniale). Attesa per il 2009 la versione con il Big Bang. Se è per questo sono anche fan di questi film per la Barclays diretti da Jonhtan Glazer con l’immenso Samuel Jackson.

Elvis has left the Big building.

Advertisements

13 comments

  1. forse perchè il target era diverso da quello di oggi: in quel caso sembra si rivolgesse agli imprenditori.Le banche oggi hanno capito che la loro fonte di guadagno sono il volume delle piccole spese di ogni singolo risparmiatore.

  2. Grazie a questi spot io ho un carta di credito e un bankomat Barclays e un conto a Londra. Vuoto.Grazie agli spot Vodafone UK ho un numero Vodafone. Ma ho rischiato di avere Orange, sempre per merito degli spot.Insomma, io compro prodotti che hanno grandi spot. In Italia non compro quasi nulla.

  3. Frà: non credo che Barclay’s e Vodaphone siano contenti di avere clienti come te…Penso che preferiscano avere Grassi Tacchini piuttosto che poveri polli.

  4. sbaglio o quello è lo stesso logo che ora troneggia sulle ex-insegne di qualche ex-banca u.s.a. ? e che tra l’altro sta aprendo anche sotto casa mia promettendo un 5% netto?forse è proprio vero che di loro ti puoi fidare,vado subito a spostare il cc!_f

  5. Beh, non hanno fatto le stesse campagne per l’apertura delle filiali italiane. ricordo una vaga tazzina di thè su un manifesto.Alla dogana gli avranno detto: ok potete entrare, ma ricordate che qui state in Italia.Mr. Becks

  6. Bellissimo spot.Concordo, il finale é geniale.Un po’ di <>understatement<> inglese ci voleva.Certo non so se regge il confronto con gli spot odierni della Halifax… 🙂

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s