Arrestato colui che diede il nome "A-HA" agli A-HA. Denunciato anche l’autore di "The Commodores", e Sting per "The Police".

Tanti mesi fa su questo blog si parlò dei nomi più belli dei gruppi musicali. Ma quali sono i più brutti? Davvero esempi come
Spandau Ballet, A-HA, Commodores restano insuperabili? O ci sono altri capolavori Disbanded da segnalare qui sotto?

Elvis has left the building.

Advertisements

35 comments

  1. E i Chumbawamba? Pessimo.Il mio nome preferito invece è:– SBRANCO E LE PURGHE ELETTRICHEe amo anche:– THE CHALTRONSQuando conobbi Sbranco ad una Festa dell’Unità vicino a Bologna, quasi svenivo. Icona pop.

  2. 1. Take that 2. Duran Duran 3. Oasis (non me ne volgiano gli amici del brit ma il nome fa cagare)4. Pooh5. Nine inch nails——Mr. Becks

  3. 1. Take that 2. Duran Duran 3. Oasis (non me ne volgiano gli amici del brit ma il nome fa cagare)4. Pooh5. Nine inch nails——Mr. Becks

  4. I nomi in assoluto più brutti se tradotti in italiano (secondo me): cramberries e guns ‘n roses. Nomi belli se scritti in inglese ma tradotti…E poi pesco dal nuovo per i nomi brutti italiani: Sonohra. Con quell’H messa a c@##o lì, come disse Elio di Elio e le Storie Tese (a proposito, non è disbanded questo nome?). Saluti, Vito.

  5. Più brutto: Smashing PumpkinsNon mi ricordo per quale ragione non partecipai all’altro test, lo faccio ora. Il più bello?Pearl Jam

  6. gli anni 80 (ripeto e sottolineo: anni infausti musicalmente parlando, anche se – ovviamente – con qualche eccezione) hanno prodotto tra i nomi più brutti della storia: duran duran, spandau ballet, milli vanilli, a flock of seagulls, talk talk, kajakoogoo, depeche mode, go west, picnic at the whitehose, e smetto sennò vomito. non nego che un paio sono decisamente disbanded.

  7. Fermi, gli Abba servono per la retorica: l’ossimoro Da Abba a Zappa, racchiude un’intera discoteca, anche se ci sono nomi alfabeticamente parlando prima e dopo. Secondo me ai tempi anche The Beatles faceva un po’ cagare. O Queen, regina. Black Sabbath allora? E Who (anche se guai a chi me li tocca!)? Nirvana invece vi sembra bello? Ma neanche un brainstorming al simposio ciellino di Rimini lo tirava fuori. Doors?! Le porte!! Per me Ted hai malposto la questione. Un altro, The Smiths, e’ uguale a I Quelli praticamente. Dik Dik, quasi cazzo cazzo. E’ come quando sento la pubblicita’ dei cancelli Faq. In hell.

  8. E’ che vale quanto scritto nel vecchio post: i nomi sono tutti brutti (quasi) finché non fai qualcosa di bello.The Beatles era effettivamente un nome orribile se non avessero scritto quei pezzi. The Who è fantastico, alla luce di quanto hanno fatto. E così via.

  9. Frate Cionfoli (sarà mica un nome vero????)Sbranco e le purghe elettriche (accidenti pensavo di conoscerli solo io)MAMAS & PAPASI Ricchi e Poveri!

  10. In punta di piedi e sottovoce: ho vinto io. Non credo esista un nome capace di eguagliare non solo la bruttezza ma anche l’inconsapevole incongruità (cioè l’idiozia) di Neri Per Caso: dei vocalist doo wop all’amatriciana avrebbero semmai dovto chiamarsi Bianchi Per Caso. Il nome avrebbe fatto schifo lo stesso, ma almeno i componenti non avrebbero dichiarato ai quattro venti di essere incapaci di concepire un pensiero, neppure se riferito al proprio ombelico. Salute. Marco Carnevale

  11. Al Bano, a pensarci bene. E’ proprio vero che qualunque accozzaglia di lettere funziona se lo riempi di un contenuto riconoscibile nel bene nel male.

  12. Con tutto il rispetto per Carnevale, vinco io e lo grido pure. 🙂Il nome più assurdo è PRINCE. O almeno è lui il più disbanded visto che ha provato mille volte a cambiarlo (da tafkap a altro), senza mai riuscirci. Ora qualcuno mi sa dire che nome ha?

  13. Per me una baby-band con un nome discretamente ridicolo era i MENUDO. Non credo esista un nome peggiore.Per quanto riguarda l’Italia non so… o forse mi viene da farvi un’altra domanda: com’erano le canzoni de IL GIARDINO DEI SEMPLICI?

  14. Com’erano le canzoni del Giardino dei Semplici?Da sempliciotti. Onore a un termine -sempliciotto- ormai in disuso, che secondo me descrive invece in modo perfetto un mondo. Definire qualcuno “un sempliciotto”, fa molto salotto di nonna speranza, borghese piccolo piccolo, ingenuo che si crede furbo.Forse oggi il sempliciotto non esiste più? Ma no, ha solo cambiato vestiario: non ha più i maglioni fatti da mamma, ma da dietro gli occhialoni Dolce e Gabbana cerca di cavarsela come può, cercando una chiave di lettura al mancato rinnovo del suo contratto su italia 1, YouTube e GQ.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s