Uscì fuori che le frustate erano meritate.

Dopo gli insulti subiti da Hamilton in Spagna, la Formula Uno decide giustamente di dichiarare guerra al razzismo. Il suo presidente, Max Mosley, figlio di un big boss del neonazismo inglese (papà Oswald) lo fa a modo suo, recandosi in questo seminterrato londinese e facendosi riprendere insieme a tre allegre signorine vestite da qualcosa di simile a Sex in the Lager. Il video, ancora più scandaloso di quello dl PD, è stato anch’esso rimosso, ma Ted Disbanded l’ha catturato giusto in tempo. Il presidente non sappiamo se sia stato rimosso, intendo dire dal bordello. E’ possibile che sia ancora lì a farsi frustare.

Elvis has left the bulding.

Advertisements

10 comments

  1. Off Topic: Ho avuto anch’io la sensazione i Rem al Rolling Stone (visti in tv) fossero davvero fiacchetti. Mi sa che sono ormai solo un gruppo da arena.

  2. Per i REM: grandissimo show TV, MTV si riconferma l’unica rete Brava nel riprendere questi show. Dal vivo era anche piu’ ”moscio”. Ma il mio moscio parte dal barzotto di 7,30.Per Mosley, c’e’ da considerare che giudico’ una vicenda di spionaggio da livelli CIA. C’e’ da considerare che fece le scarpe a Mercedes, Dennis e MacLaren. Che come spie, soldi e papponi compiacenti suppongo ne abbia a palate. E diciamo pure che le passioni di Mosley nel circo (nel significato primo) della F1 forse le si conoscevano. Che Dennis e soci fossero gia’ pronti sulla riva del fiume ad aspettare il corpicino flaccido e bianchiccio del new-nazi e’ un dubbio che, come dire, mi nasce spontaneo.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s